Collegio di Milano, 26 ottobre 2010, n.1171

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Clausole contrattuali
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Condizioni generali di contratto, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 26 ottobre 2010, n.1171
  • Scarica testo in pdf

 

In caso di utilizzo fraudolento della carta di pagamento, laddove le condizioni generali di contratto prevedano che “in caso di smarrimento o sottrazione della carta, il titolare è responsabile per le perdite derivanti da eventuali prelievi fraudolenti nei limiti di euro 150 per prelievo - salvi i casi di dolo o colpa grave - fino al momento in cui risulti opponibile alla banca la segnalazione di smarrimento o sottrazione...”, non avendo la Banca allegato e, tanto meno, dimostrato la colpa grave o il dolo della cliente, quest’ultima risulta responsabile, per ciascun prelievo abusivo, nei limiti di euro 150,00, mentre la Banca è tenuta a corrispondere la differenza.