Collegio di Milano, 26 ottobre 2010, n.1170

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Home banking / Obblighi per il cliente, Home banking / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Concorso di colpa fra banca e cliente, Home banking, Operazioni fraudolente
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 26 ottobre 2010, n.1170
  • Scarica testo in pdf

 

Anche a prescindere dai sistemi più sofisticati che prevedono credenziali autenticate attraverso le caratteristiche biometriche (es. impronte digitali), la banca non può ignorare l'esistenza di un sistema di sicurezza che prevede l’uso di dispositivi automatici che generano password monouso variabili ogni 5 secondi (cd token), la cui adozione avrebbe reso almeno più problematica, se non impossibile, l’esecuzione del bonifico abusivo. A tale responsabilità della banca si contrapporne quella concorrente dei clienti i quali, nel permettere l’intromissione da parte di ignoti nel sistema (phishing), hanno palesemente violato gli obblighi di custodia dei codici di accesso che sono estensibili a tutto ciò che rientra nella loro sfera di controllo.