Collegio di Roma, 08 ottobre 2010, n.1047

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Disciplina generale
  • Parole chiave: Art. 7 d.l. 7/2007, Corretta interpretazione, Estinzione del rapporto, Mutuo
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 08 ottobre 2010, n.1047
  • Scarica testo in pdf

 

Condizione necessaria per l'applicazione dell’art. 7 d.l. 7/2007 - il quale prevede la nullità di «qualunque patto, anche posteriore alla conclusione del contratto, ivi incluse le clausole penali, con cui si convenga che il mutuatario, che richieda l’estinzione anticipata o parziale di un contratto di mutuo stipulato o accollato a seguito di frazionamento, anche ai sensi del d. lg. 20 giugno 2005, n. 122, per l’acquisto o per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione ovvero allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche, sia tenuto ad una determinata prestazione a favore del soggetto mutuante» - è la strumentalità del finanziamento da estinguere rispetto agli scopi previsti dal legislatore.