Collegio di Roma, 08 ottobre 2010, n.1042

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Carte di credito / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Applicabilità ratione temporis, Carta di credito, Direttiva 2007/64/CE, Responsabilità della parti
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 08 ottobre 2010, n.1042
  • Scarica testo in pdf

 

Anche con riferimento a fatti e vicende svoltisi prima dello spirare del termine per l’attuazione della direttiva 2007/64/CE relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, è possibile, nella risoluzione delle controversi, ispirarsi ai criteri da questa adottati, in particolare al criterio che addossa alla banca il rischio dello smarrimento, del furto, della sottrazione o in genere dell’utilizzazione fraudolenta ad opera di terzi delle carte di credito e degli altri strumenti di pagamento, salvo il caso di dolo o colpa grave del titolare dello strumento. Le disposizioni delle direttive comunitarie non ancora attuate o non correttamente attuate negli ordinamenti nazionali, quando siano incondizionate e sufficientemente precise (c.d. autoesecutive) e sia scaduto il termine per il loro recepimento, possono essere invocate, all’interno degli Stati membri, nelle controversie tra privati.