Collegio di Napoli, 11 ottobre 2010, n.1062

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Conto Corrente Bancario / Disciplina generale
  • Parole chiave: Conto Corrente Bancario, Limiti, Recesso del cliente, Vincolo di accessorietà
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 11 ottobre 2010, n.1062
  • Scarica testo in pdf

 

Nel caso in cui cliente abbia manifestato la propria volontà irrevocabile di pagare le rate di rimborso di un diverso rapporto di finanziamento mediante versamento nel conto corrente, è indiscutibile che lo stesso cliente abbia espresso una volontà non modificabile senza il consenso dell’altra parte (art. 1372 c.c.), a che il contratto di conto corrente rimanesse in vita, quanto meno, fino alla conclusione del rapporto di finanziamento (durata decennale). Tra una simile operatività e il contratto di finanziamento deve, quindi, ritenersi sussistente un - voluto da entrambe le parti - nesso di interdipendenza economico-funzionale. Ne consegue la legittimità del rifiuto della banca rispetto alla chiusura del conto corrente fino a che sia in piedi il rapporto di finanziamento.