Collegio di Roma, 10 settembre 2010, n.923

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: ATM (Sportelli Bancomat), Conto Corrente Bancario / Onere probatorio
  • Parole chiave: Anomalie di flusso, ATM, Bancomat e carte di debito, Registrazioni contabili, Valore probatorio
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 10 settembre 2010, n.923
  • Scarica testo in pdf

 

Nel caso in cui siano rilevabili irregolarità nel funzionamento del servizio, ampiamente documentate dalle risultanze del giornale di fondo, le quali evidenziano numerose segnalazioni di “anomalie di flusso”, sia prima che dopo le operazioni effettuate dal cliente, tali anomalie sono da ritenersi sufficienti ad escludere che dalle registrazioni contabili degli impianti presso i quali le operazioni di prelievo sono state eseguite possano essere tratti elementi di prova a favore dell’intermediario.