Collegio di Napoli, 21 luglio 2010, n.763

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bonifici bancari, Trasparenza / Spese e commissioni
  • Parole chiave: Applicazione di commissioni non previste, Bonifico, Condizioni pubblicizzate nei fogli informativi, Criteri interpretativi, Trasparenza
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 21 luglio 2010, n.763
  • Scarica testo in pdf

 

Alla luce dell'applicazione del criterio ermeneutico di cui all’art. 1370 c.c., per il quale le condizioni inserite in moduli o formulari s’interpretano, nel dubbio, a favore della parte non predisponente, deve ritenersi che, in mancanza di idonea comunicazione del regime commissionale in concreto applicato dall’intermediario, il cliente può avere legittimamente fatto affidamento su quanto emergente dalla documentazione in suo possesso. Diversamente non appare corretto, al fine di giustificare l’applicazione degli oneri non previsti contrattualmente, il richiamo agli artt. 116 e 117 del D.Lgs. n. 385/1993, sul presupposto che il servizio contestato non fosse specificamente contemplato e disciplinato nel contratto sottoscritto dal cliente e fosse, quindi, soggetto alle condizioni pubblicizzate nei fogli informativi.