Collegio di Milano, 27 maggio 2010, n.446

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela, Mutuo / Surrogazione e sostituzione
  • Parole chiave: Indicazioni utili a favorire i rapporti tra clientela ed intermediari, Mutuo, Richiesta di accensione di un c/c accessorio in pendenza di istruttoria, Surroga
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 27 maggio 2010, n.446
  • Scarica testo in pdf

 

Al fine di favorire i rapporti fra clientela ed intermediari, si evidenzia come non sembra configurare una buona pratica nella relazione con la clientela la richiesta formulata al richiedente dall’intermediario di accendere un conto corrente come atto propedeutico all’operazione di surroga, prima ancora che sia stata presa dalle strutture competenti una decisione favorevole in ordine alla concessione del finanziamento. La subitanea stipula di tale contratto non risulta, infatti, in alcun modo necessaria in funzione di una ancora eventuale erogazione del credito, apparendo piuttosto dettata da semplici esigenze di natura commerciale.