Collegio di Milano, 25 maggio 2010, n.433

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Apertura di credito / Spese e commissioni
  • Parole chiave: Apertura di credito, art. 2-bis D.L. 185/2008, Commissione di massimo scoperto, Conto corrente affidato, Nullità
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 25 maggio 2010, n.433
  • Scarica testo in pdf

 

E’ nulla per violazione dell’art. 2-bis, D.L. 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla L. 28 gennaio 2009, n. 2. la clausola contrattuale avente ad oggetto la commissione definita quale “c.m.s. trimestrale per utilizzo del fido”, calcolata nella misura dell’1% ed applicata per tre trimestri nella misura di 300 euro a trimestre su un affidato di 30.000 euro. La commissione in questione, infatti, ricade nella seconda previsione della norma testé citata, non risultando correlata alle ipotesi indicate nella prima, ma la sua misura è palesemente superiore (1%) al limite previsto dalla legge (0,5%).