Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.694

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Responsabilità della banca / Carte di credito, Carte di credito / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Carte di credito, Circostanze rilevanti, Operazioni anomale, Predisposizione di sistemi di sicurezza, Responsabilità della banca, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.694
  • Scarica testo in pdf

 

Appare evidente la violazione da parte dell’intermediario del dovere di adempiere il proprio obbligo di custodia dei patrimoni dei clienti con la diligenza imposta dall’osservanza dell’art. 1176/2 c.c., laddove lo stesso, omettendo di predisporre gli accorgimenti più idonei a proteggere il sistema di trasmissione dati e di rilevazione di ogni anomalia, non abbia rilevato alcuna anomalia nel compimento di ben nove operazioni di ricarica, ciascuna di euro 501,00, eseguite in un breve lasso di tempo (15.11./4/12/2009), pur essendo già presenti, all’epoca del fatto, dispositivi tecnologici più raffinati, sicuri e affidabili di quelli in concreto adottati e, perciò,  maggiormente adeguati rispetto all’obbiettivo di offrire al cliente un ulteriore livello di protezione.