Collegio di Milano, 11 giugno 2010, n.512

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Home banking / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Frode informatica, Home banking, Predisposizione di adeguati sistemi di sicurezza, Responsabilità della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 11 giugno 2010, n.512
  • Scarica testo in pdf

 

 

Con riferimento al servizio di home banking va ravvisato la negligenza della banca che, rispondendo della sicurezza dell’accesso ai servizi di internet banking offerti alla clientela secondo gli standard seguiti nella prassi anche dalle aziende concorrenti, predisponga un sistema di autenticazione per l’esecuzione di operazioni online che sia rappresentato dal codice utente, da una password ed un PIN, quindi, da un sistema “a un fattore”, “inadeguato” in quanto già da tempo superato da sistemi più sicuri.