Collegio di Roma, 10 novembre 2010, n.1270

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Responsabilità della banca / Carte di credito, Carte di credito / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Carte di credito, Presunzioni, Responsabilità concorrente della banca e dell'emittente, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 10 novembre 2010, n.1270
  • Scarica testo in pdf

Deve affermarsi la responsabilità per colpa grave tanto della banca quanto dell’emittente la carta di credito e, per l'effetto, tenuti a risarcire al cliente il danno derivante dalle operazioni dallo stesso disconosciute, laddove: da un lato, la banca ha certamente ricevuto la carta sostitutiva da parte dell’emittente, tanto da sottoscrivere apposita ricevuta, senza poi consegnarla al cliente (non è infatti ipotizzabile che la consegna di uno strumento di pagamento possa intervenire senza relativa sottoscrizione di ricezione, circostanza questa che costituisce, peraltro, fatto notorio); dall’altro, la società emittente ha dichiarato di aver trasmesso un dato sensibile quale certamente è quello relativo al codice per l’utilizzo dello strumento di pagamento (PIN) mediante uno strumento (posta ordinaria) del tutto inidoneo al fine e che non garantisce – e sotto nessun aspetto – la sua effettiva ricezione da parte del destinatario.