Collegio di Roma, 30 settembre 2010, n.999

Collegio di Roma, 30 settembre 2010, n.999

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione passiva
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Centrale rischi finanziari private, CRIF s.p.a., Difetto di legittimazione passiva, Inammissibilità del ricorso
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 30 settembre 2010, n.999
  • Scarica testo in pdf

 

La CRIF s.p.a. quale ente gestore del sistema di informazione creditizia, deve ritenersi priva di legittimazione passiva, poiché non rientra nella nozione di intermediario finanziario, così come definita nelle disposizioni della Banca d’Italia relative all’Arbitro Bancario Finanziario. Pertanto, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile nei suoi confronti.

Collegio di Roma, 15 marzo 2010, n.129

Collegio di Roma, 15 marzo 2010, n.129

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Obbligo di preventivo reclamo
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Assenza di un preventivo reclamo, Inammissibilità del ricorso
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 15 marzo 2010, n.129
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Roma, 03 marzo 2010, n.95

Collegio di Roma, 03 marzo 2010, n.95

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Centrali Rischi Finanziarie Private / Ente gestore del sistema di informazione creditizia, Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione passiva
  • Parole chiave: Ente gestore del sistema di informazione creditizia, Inammissibilità del ricorso, Vizio di legittimazione passiva
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 03 marzo 2010, n.95
  • Scarica testo in pdf

Deve considerarsi inammissibile il ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario promosso contro la CRIF s.p.a. quale ente gestore del sistema di informazione creditizia, posto che tale società, non potendo definirsi intermediario finanziario secondo le disposizioni relative all’ABF, è priva di legittimazione passiva.

Collegio di Milano, 03 marzo 2010, n.76

Collegio di Milano, 03 marzo 2010, n.76

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Competenza ratione temporis, Conto Corrente Bancario, Estinzione, Inammissibilità del ricorso
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 03 marzo 2010, n.76
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 17 febbraio 2010, n.52

Collegio di Milano, 17 febbraio 2010, n.52

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Interesse ad agire
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Assegno circolare, Inammissibilità del ricorso, Interesse ad agire
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 17 febbraio 2010, n.52
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 16 febbraio 2010, n.49

Collegio di Milano, 16 febbraio 2010, n.49

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Rapporti con altri procedimenti
  • Parole chiave: Arbitrato Bancario Finanziario, Inammissibilità del ricorso, Pendenza di un procedimento avanti l’autorità giudiziaria
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 16 febbraio 2010, n.49
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content