Collegio di Napoli, 21 aprile 2010, n.265

Collegio di Napoli, 21 aprile 2010, n.265

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Conto Corrente Bancario / Chiusura ed estinzione, Conto Corrente Bancario / Cointestazione, Conto Corrente Bancario / Onere probatorio, Conto Corrente Bancario / Successione mortis causa
  • Parole chiave: Cointestazione, Conto corrente, Liquidazione, Morte di uno dei cointestatari, Oneri documentali
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 21 aprile 2010, n.265
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.68

Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.68

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Deposito titoli in amministrazione / Cointestazione, Deposito titoli in amministrazione / Successione mortis causa
  • Parole chiave: Cointestazione, Contratto di deposito titoli, Liquidazione del dossier titoli, Successione testamentaria
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.68
  • Scarica testo in pdf

In caso di successione testamentaria, laddove il de cuius preveda il lascito di “tutti i [suoi] soldi liquidi” in favore di un determinato soggetto, la banca, in esecuzione di tale legato, legittimamente non deve liquidare il dossier titoli relativo ad un contratto di deposito titoli di cui è cointestatario il de cuius, in quanto non riconducibile al concetto di “soldi liquidi”.

Collegio di Milano, 17 febbraio 2010, n.51

Collegio di Milano, 17 febbraio 2010, n.51

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Cointestazione, Mutuo / Rinegoziazione
  • Parole chiave: Cointestazione, Modifica dell'intestazione, Mutuo, Necessario consenso della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 17 febbraio 2010, n.51
  • Scarica testo in pdf

In caso di cointestazione di un contratto di mutuo, la richiesta di uno dei contestatari di modifica dell’intestazione del mutuo stesso, comportando una rinegoziazione del contratto sotto il profilo soggettivo, non può prescindere dal consenso della banca nella sua veste di controparte contrattuale.

Syndicate content