Collegio di Roma, 26 aprile 2010, n.290

Collegio di Roma, 26 aprile 2010, n.290

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Responsabilità della banca / Mutuo, Mutuo / Surrogazione e sostituzione
  • Parole chiave: Circostanze scusati, Limiti, Mutuo, Responsabilità dell’intermediario, Ritardo, Surrogazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 26 aprile 2010, n.290
  • Scarica testo in pdf

Rispetto al danno “da ritardo” nella gestione della pratica di surroga del mutuo non può fungere da esimente la circostanza che l’operazione eccedeva l’autonomia deliberativa dell’agenzia originariamente investita, per cui si era reso necessario trasferire la pratica all’organo deliberante superiore: infatti, la complessità organizzativa dell’impresa e l’esistenza in essa di molteplici istanze e livelli decisionali non può andare a carico del cliente e tradursi in un disagio per lui.

Syndicate content