Risk management, Vigilanza bancaria e finanziaria
19/04/2019

Il Parlamento UE approva le nuove CRR II e CRD V e le modifiche a BRRD e SRM

Il Parlamento Europeo ha approvato un pacchetto di misure relative ai requisiti prudenziali di capitale e le procedure da seguire per banche che devono affrontare perdite.

In particolare, il testo approvato dal Parlamento ha ad oggetto:

  • il coefficiente di leva finanziaria per gli istituti di credito di rilevanza sistemica;
  • l’indice di stabilità dei finanziamenti;
  • un nuovo sistema di valutazione del rischio di mercato ai fini delle segnalazioni di vigilanza;
  • l’obbligo per gli istituti di credito di paesi extra UE che svolgono attività rilevanti nell’UE di avere nella stessa un intermediario;
  • la revisione dei requisiti patrimoniali per il rischio di credito per le esposizioni verso controparti centrali;
  • l’esclusione di alcune banche dall’applicazione del CRR e della CRD;
  • una serie di misure volte a semplificare gli obblighi di segnalazione e i requisiti di liquidità per le banche di piccole dimensioni;
  • misure per facilitare la cessione di crediti in sofferenza;
  • l’incorporazione di requisiti ambientali; sociali e di governance nelle regole prudenziali;
  • norme prudenziali rafforzate in materia di antiriciclaggio;
  • nuovi requisiti di capacità di assorbimento totale delle perdite (total loss absorbing capacity o TLAC) per gli istituti di credito di rilevanza sistemica;
  • requisiti minimi di fondi propri e di passività ammissibili (Minimum Requirement for own funds and Eligible Liabilities o MREL) per gli istituti di credito di rilevanza sistemica globale;
  • nuovi poteri per le autorità di risoluzione.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.