Array
(
    [10896] => Array
        (
            [parent] => Profili processuali
        )

)
Profili processuali
24/07/2017

Banche Venete: il D.L. 99/2017 determina l’interruzione dei processi pendenti

Tribunale di Verona, 7 luglio 2017 – Dott. Massimo Vaccari
Stefano Daprà, Dottore di ricerca in diritto privato, Università di Trento

La fattispecie complessa costituita dall’apertura della procedura di liquidazione coatta amministrativa, disposta con D.L. 25 giugno 2017, n. 99 a carico di Banca Popolare di Vicenza S.p.a. e di Veneto Banca S.p.a., e dal successivo insediamento dei commissari liquidatori determina l’interruzione dei processi pendenti ai sensi dell’art. 83, comma 3, T.U.B., analogamente a quanto avviene in sede fallimentare ex art. 43 l.fall.

L’interruzione avviene automaticamente senza che l’evento interruttivo possa essere subordinato alla previa conversione in legge del suddetto decreto, nel qual caso, stante la perdita di efficacia del decreto, i processi interrotti potranno essere riassunti su iniziativa della parte interessata. 

 

Delle nuove disposizioni riguardanti le banche venete, dei loro effetti sui contenzioni pendenti e futuri, parleremo nel corso del convegno organizzato da questa rivista a Milano il prossimo 29 settembre. Per il programma completo dell’evento e per maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione v. la pagina dedicata all’evento indicata tra i contenuti correlati.

Comments

giurisprudenza/profili-processuali/banche-venete-il-dl-992017-determina-l-interruzione-dei-processi-pendenti

Riassunti davanti a chi

Si ma ciò che non si comprende in questo caso è riassunti contro chi?

giurisprudenza/profili-processuali/banche-venete-il-dl-992017-determina-l-interruzione-dei-processi-pendenti

Evidentemente nessuno ha letto l'art. 2 del D.L. 99/2017

Stupisce leggere cose del genere: Il D.L. 99/2017 contiene disposizioni urgenti PER la liquidazione coatta amministrativa di Veneto Banca, ma non dispone affatto la messa in liquidazione, demandata invece a un successivo Decreto del MEF. L'art. 2 del provvedimento citato prevede che "il Ministro dell'economia e delle finanze con uno o più decreti, adottati su proposta della Banca d'Italia, dispone: a) la liquidazione coatta amministrativa delle Banche". Ergo, la conversione in legge del D.L. non ha nulla a che vedere con lo status giuridico delle banche venete, poiché a tutt'oggi, e sino all'emissione del decreto ministeriale di cui sopra, la capacità processuale non è in discussione.

Post new comment

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.