Array
(
    [22969] => Array
        (
            [parent] => Fallimentare - Restructuring
            [childrens] => Array
                (
                    [11272] => Concordato preventivo
                )

        )

)
Fallimentare - Restructuring - Concordato preventivo
13/09/2017

Natura del termine di cui all’art. 161, comma sesto, L.F. e insindacabilità, in sede di legittimità, della proroga concessa dal giudice di merito

Cassazione Civile, Sez. I, 10 gennaio 2017, n. 270 – Pres. Giancola, Rel. Ferro
Carolina Gentile, praticante notaio presso Zabban, Notari, Rampolla & Associati

Il termine fissato dal giudice al debitore, ai sensi dell’art. 161, comma 6, l. fall., per la presentazione della proposta, del piano e dei documenti del cd. concordato “con riserva” ha natura perentoria e disciplina mutuata dall’art. 153 c.p.c. Cosicché, esso non è prorogabile a richiesta della parte o dell’ufficio se non in presenza di giustificati motivi, che devono essere allegati dal richiedente e verificati dal giudice, la cui decisione è insindacabile in sede di legittimità, laddove congruamente motivata. Inoltre, in ragione della natura decadenziale del summenzionato termine, alla sua inosservanza consegue l’inammissibilità della domanda concordataria (Cass. 6277/2016).

 

Comments

Post new comment

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.