Array
(
    [22969] => Array
        (
            [parent] => Fallimentare - Restructuring
            [childrens] => Array
                (
                    [10991] => Azione revocatoria fallimentare
                )

        )

    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [22459] => Conto corrente
                )

        )

)
Fallimentare - Restructuring - Azione revocatoria fallimentareBanca e Finanza - Conto corrente
09/05/2019

Revocatoria delle rimesse ed efficacia probatoria degli estratti conto non impugnati dal cliente

Cassazione Civile, Sez. I, 08 maggio 2019, n. 12046 – Pres. Di Virgilio, Rel. Fidanzia

In tema di azione revocatoria fallimentare, gli estratti conto comunicati dalla banca al cliente e non impugnati, se utilizzati in giudizio dal curatore del fallimento, hanno efficacia di prova tra le parti, non già quali scritture contabili dell’impresa, a norma dell’art. 2709 cod. civ., bensì a norma dell’art. 1832 cod. civ., richiamato dall’art. 1857 cod. civ., cioè con riguardo all’effettività e alla completezza delle operazioni annotate, con la conseguenza che non si tratta di scritture contabili ex art. 2214-2217 cod. civ. e non trova dunque applicazione il principio della inscindibilità del loro contenuto.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.