Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [10911] => Servizi di investimento
                )

        )

)
Banca e Finanza - Servizi di investimento
13/05/2019

Requisiti di forma nella concessione di finanziamenti agli investitori

Cassazione Civile, Sez. I, 7 maggio 2019, n. 12015 - Pres. Genovese, Rel. Tricomi

Ai finanziamenti agli investitori previsti dall’articolo 47 del Regolamento Consob n. 11522/1998 si applicano i principi di forma previsti per i contratti bancari, secondo cui, qualora il contratto di apertura di credito risulti già previsto e disciplinato da un contratto di conto corrente stipulato per iscritto, non deve, a sua volta, essere stipulato per iscritto a pena di nullità, purché venga salvaguardata l’indicazione nel “contratto madre” delle condizioni economiche cui andrà assoggettato il “contratto figlio”.

A tal fine resta tuttavia necessaria la sussistenza di un collegamento funzionale oggettivo tra le due operazioni, da escludersi laddove: da un lato, l’apertura di credito fosse precedente (e non simultanea) all’acquisto dei titoli; dall’altro, l’investitore avesse acquisito la disponibilità economica per ragioni connesse alla attività imprenditoriale da lui svolta, potendone fruire, pertanto, in autonomia senza vincoli di destinazione all’investimento finanziario.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.