Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [1349] => Responsabilità della banca
                    [1527] => Titoli di credito
                )

        )

)
Banca e Finanza - Responsabilità della banca - Titoli di credito
18/05/2017

Responsabilità per pagamento di assegno non trasferibile a soggetto diverso dal beneficiario: la questione rimessa alle Sezioni Unite

Cassazione Civile, Sez. I, 17 maggio 2017, n. 12379

Alle Sezioni Unite della Cassazione la questione in ordine ai limiti della responsabilità ex art. art. 43, comma 2, R.d. 21 dicembre 1933, n. 1736 (Legge Assegni) della banca negoziatrice che paghi un assegno non trasferibile ad un soggetto diverso dal beneficiario e che risponde del pagamento così effettuato. Il contrasto nasce da due orientamenti contrapposti: il primo, che nega efficacia liberatoria al pagamento in favore del legittimato apparente; il secondo, secondo cui il pagamento in favore del non legittimato risulta privo di effetto liberatorio per chi lo esegue soltanto se non sia stata usata la dovuta diligenza nell’identificazione del presentatore dell’assegno.

Comments

giurisprudenza/banca-e-finanza/responsabilita-della-banca/responsabilita-pagamento-di-assegno-non-trasferibile-soggetto

Sul punto ... quanto già pubblicato sulla Vs. rivista.

13/04/2017 Rimessa alle Sezioni Unite la natura della responsabilità della banca per erroneo pagamento di assegno non trasferibile Cassazione Civile, Sez. I, 12 aprile 2017, n. 9403 segnalato da: Donato Giovenzana, Legale d’impresa. Con ordinanza interlocutoria n. 9403 del 12 aprile 2017 la prima sezione civile dalla Cassazione ha rinviato alle Sezioni Unite la questione concernente il carattere oggettivo o colposo della responsabilità della banca negoziatrice ai sensi del più volte richiamato art. 43, comma secondo, Legge Assegni, in particolare nei confronti dell’emittente del titolo, evidenziando come le stesse, con sentenza 26 giugno 2007, n. 14712, sia pure con riguardo al diverso profilo della natura contrattuale o extracontrattuale della medesima responsabilità, abbiano ritenuto di non fare distinzioni con riferimento alle diverse categorie di possibili danneggiati, avendo affermato la natura contrattuale della responsabilità in questione «nei confronti di tutti i soggetti interessati al buon fine della sottostante operazione».

Post new comment

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.