Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.283

Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.283

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela, Mutuo / Surrogazione e sostituzione
  • Parole chiave: Atto unico, Indicazioni utili a favorire le relazioni tra intermediari e clienti, Mutuo, Procedimento, Surrogazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.283
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.283

Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.283

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Surrogazione e sostituzione
  • Parole chiave: Atto unico, Mutuo, Procedimento, Responsabilità della banca, Surrogazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.283
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Roma, 07 aprile 2010, n.199

Collegio di Roma, 07 aprile 2010, n.199

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Principi processuali applicabili
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Istruttoria, Onere della prova a carico del ricorrente, Procedimento
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 07 aprile 2010, n.199
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 26 marzo 2010, n.166

Collegio di Milano, 26 marzo 2010, n.166

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Cessazione della materia del contendere
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Cessazione materia del contendere, Procedimento, Rinuncia agli atti
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 26 marzo 2010, n.166
  • Scarica testo in pdf

In analogia a quanto prevede il codice di rito, anche il procedimento avanti l’ABF si estingue per rinuncia agli atti del giudizio quando questa è accettata dalle parti costituite che potrebbero aver interesse alla prosecuzione. Laddove inoltre l’esito cui sono giunte le parti appare satisfattivo dell’interesse dedotto dal ricorrente e la rinunzia consegue a tale esito, l’estinzione deve pronunciarsi per cessazione della materia del contendere.

Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.73

Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.73

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Cessazione della materia del contendere
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Autonomia delle parti, Cessazione materia del contendere, Procedimento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.73
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.69

Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.69

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Assegno bancario, Contestazione dell'autenticità della firma, è onere dello stesso fornire la prova della non autenticità della sottoscrizione, eventualmente producendo i relativi documenti e un parere di un esperto calligrafo al riguardo., in quanto, Istanze istruttorie, nel caso in cui il ricorrente contesti l'autenticità della firma apposta su un assegno bancario dell’intermediario, Onere probatorioEsula dalle competenze dell’Arbitro Bancario Finanziario la possibilità di disporre perizie, Procedimento, sulla base della normativa vigente, “la decisione sul ricorso è assunta sulla base della documentazione raccolta nell’ambito dell’istruttoria” (cfr. Delibera CICR del 29/7/2008 e “Disposizioni sui sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi ba
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 marzo 2010, n.69
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content