Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1027

Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1027

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Circostanze rilevanti, Furto, Responsabilità concorrente fra banca e cliente, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 01 ottobre 2010, n.1027
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 16 luglio 2010, n.739

Collegio di Milano, 16 luglio 2010, n.739

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Dolo o colpa grave, Furto, Obblighi di custodia della carta e del PIN, Onere probatorio, Presunzioni, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 16 luglio 2010, n.739
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Roma, 31 maggio 2010, n.473

Collegio di Roma, 31 maggio 2010, n.473

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per il cliente, Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat, Colpa grave, Furto, Limiti, Obblighi di custodia, Presunzioni, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 31 maggio 2010, n.473
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.713

Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.713

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Circostanze rilevanti, Furto, Imputabilità al cliente, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 09 luglio 2010, n.713
  • Scarica testo in pdf

 

Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250

Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat, Furto, Luogo di conservazione del PIN, Obblighi di custodia, Presunzioni, Stretto lasso di tempo tra furto e operazioni fraudolente
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250
  • Scarica testo in pdf

In caso di furto della carta bancomat, lo stretto lasso di tempo intercorso tra la commissione del furto e le operazioni fraudolente fa presumere che il PIN non solo fosse contenuto nella borsa rubata ma anche che fosse facilmente individuabile e relazionabile alla carta bancomat.

Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250

Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat, Digitazione corretta del PIN, Furto, Obblighi di custodia, Responsabilità del titolare della carta
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250
  • Scarica testo in pdf

Laddove le operazioni contestate dal titolare della carta siano state tutte effettuate con la corretta digitazione del PIN, non è dubitabile che il cliente abbia omesso di adottare le dovute cautele nell’osservanza delle regole di segretezza e di custodia del PIN stesso, rendendo così possibile l’uso normale del bancomat a chi se ne era impossessato furtivamente. Alla violazione di tali obblighi consegue la responsabilità del cliente per ogni conseguenza dannosa che possa derivare dall’uso illecito della carta e del PIN.

Collegio di Milano, 29 aprile 2010, n.309

Collegio di Milano, 29 aprile 2010, n.309

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Assegni bancari / Obblighi per il cliente
  • Parole chiave: Assegno bancario, Circostanze rilevanti, Furto, Obbligo di custodia, Responsabilità del possessore
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 29 aprile 2010, n.309
  • Scarica testo in pdf

Emerge, chiaramente, una colpa grave del possessore dei titoli in ordine all’obbligo di custodia dei moduli degli assegni laddove lo stesso, nella denunzia, non sappia individuare quando e dove sia avvenuto il furto, omettendo, peraltro, di fornire alcun elemento su come sia stato possibile che il ladro staccasse due moduli di assegno da un libretto che lo stesso possessore afferma avere sempre tenuto con sé.

Collegio di Milano, 23 aprile 2010, n.278

Collegio di Milano, 23 aprile 2010, n.278

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per il cliente, Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat, Furto, Obbligo di custodia della carta e del PIN, Prelievo fraudolento, Presunzioni, Violazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 23 aprile 2010, n.278
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 07 maggio 2010, n.333

Collegio di Milano, 07 maggio 2010, n.333

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per il cliente, Carte di credito / Obblighi per il cliente, Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Carta multifunzione (carta di credito e bancomat), Furto, Obbligo di custodia della carta e del codice personale assunti, Occultamento del PIN all’interno del telefono cellulare
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 07 maggio 2010, n.333
  • Scarica testo in pdf

Collegio di Milano, 07 maggio 2010, n.333

Collegio di Milano, 07 maggio 2010, n.333

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per il cliente, Carte di credito / Obblighi per il cliente, Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Adempimento, Carta multifunzione (carta di credito e bancomat), Circostanze rilevanti, Furto, Obbligo di segnalazione alla banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 07 maggio 2010, n.333
  • Scarica testo in pdf

Syndicate content