Collegio di Napoli, 15 ottobre 2010, n.1106

Collegio di Napoli, 15 ottobre 2010, n.1106

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Ius variandi (art. 118 TUB) / Disciplina generale
  • Parole chiave: Art. 118 TUB, Diritti per il cliente, Ius variandi, Limiti
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 15 ottobre 2010, n.1106
  • Scarica testo in pdf

 

L’obbligazione che ha base nell’art. 118 TUB è funzionale all’esercizio, in capo al cliente che non si determini ad accedere alla modifica proposta unilateralmente dall’intermediario, del diritto di recedere, e non anche del diritto di mantenere sine die le anteriori condizioni in assenza di ogni intendimento solutorio del rapporto.

Syndicate content