Collegio di Milano, 23 luglio 2010, n.807

Collegio di Milano, 23 luglio 2010, n.807

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Conto Corrente Bancario / Successione mortis causa
  • Parole chiave: Conto Corrente Bancario, Dichiarazione di successione, Morte del correntista, Obblighi della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 23 luglio 2010, n.807
  • Scarica testo in pdf

 

Nel caso in cui gli eredi avrebbero potuto facilmente rilevare che nella dichiarazione di successione originariamente presentata all’erario non vi era menzione del rapporto del de cuius con la banca, gli stessi non possono pretendere che le conseguenze pregiudizievoli di tale omissione (ovvero le spese che si sono successivamente rese necessarie per integrare la dichiarazione di successione) vengano sopportate dall’intermediario, il quale non può essere chiamato a rispondere di un danno che non abbia concorso a causare.

Syndicate content